Cosenza, omicidio in famiglia: 34enne uccide lo zio a colpi di pistola

Il giovane aveva già provato a freddare il parente, senza successo, e quel tentativo gli era costato un arresto nel 2012.

Omicidio in famiglia a Cosenza, una vera e propria esecuzione costata la vita a Francesco Bertocco, incensurato di 61 anni, crivellato di colpi ieri pomeriggio mentre stava camminando in via Popilia, all'altezza degli uffici del Giudice di Pace.

L’uomo è stato raggiunto da 7 colpi di pistola che non gli hanno lasciato scampo. A nulla è servito il repentino arrivo dei soccorsi, Bertocco è deceduto poco dopo il suo arrivo in ospedale.

Gli inquirenti hanno avviato immediatamente le indagini, ma dopo alcune ore il presunto responsabile si è fatto avanti: si tratta di Giovanni Bertocco, 34 anni, nipote della vittima.

Il giovane ha ammesso di aver agito in seguito a dissapori tra lui e suo zio. Dopo aver ucciso il parente, fratello di suo padre, si è dato alla fuga e si è liberato dell’arma, una pistola calibro 7.65, gettandola tra i cespugli non lontani dal luogo del delitto. La pistola non è ancora stata trovata.

Giovanni Bertocco, fanno sapere gli inquirenti, si trovava agli arresti domiciliari da quando, nell’aprile 2012, era stato trovato in possesso di una pistola usata nel tentato omicidio dello zio. Il giovane, quindi, aveva già provato a freddare il parente, senza successo, e quel tentativo gli era costato un arresto.

  • shares
  • Mail