Roma, sequestro da 270 milioni a imprenditore accusato di truffa

Il sequestro è stato compiuto nel corso dell’operazione denominata Movida, coordinata dalla Procura di Roma.

Maxi sequestro della Guardia di Finanza di Roma ai danni di un imprenditore romano, di cui non è stata diffusa l’identità, indagato per una serie di reati ed emigrato formalmente in Spagna.

Dalle prime ore di oggi oltre 200 finanzieri hanno sequestrato l’ingente patrimonio riconducibile dell’indagato: società, conti correnti, decine e decine di fabbricati e terreni, 32 motoveicoli e 2 yacht di oltre 20 metri, per un valore complessivo di 270 milioni di euro.

L’uomo, imprenditore nel settore delle pulizie, è accusato di aver organizzato un sodalizio criminale dedito all’appropriazione indebita, alla truffa in danno di enti pubblici, alla bancarotta fraudolenta, al riciclaggio e reimpiego di capitali illeciti, al trasferimento fraudolento di valori ed alla perpetrazione di reati tributari.

Il sequestro è stato compiuto nel corso dell’operazione denominata Movida, coordinata dalla Procura di Roma in seguito alle indagini svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria della Capitale.

  • shares
  • Mail