Bestie di satana: autopsia sul corpo della madre di Elisabetta Ballarin

La 30enne Elisabetta Ballarin, ex fidanzata dell'allora leader del gruppo Andrea Volpe, sta scontando 22 anni di carcere per l'omicidio di Mariangela Pezzotta.

Sarà l'anatomopatologa Luisa Andrello ad eseguire l'autopsia sul corpo di Cristina Lonardoni, madre di Elisabetta Ballarin, la ragazza condannata per uno degli omicidi di cui si è macchiato il gruppo satanico noto come Bestie di Satana tra il 1998 e il 2004.

La mamma della Ballarin è deceduta sabato scorso all’eta di 54 anni a causa di un’intossicazione da monossido di carbonio secondo quanto appreso: la donna è morta sul divano della sua casa di Vergiate (Varese) mentre guardava la televisione.

Ma il sostituto procuratore Nadia Calcaterra della procura di Busto Arsizio non intende lasciare dubbi aleggiare intorno alla morte per cui ha disposto l’autopsia sul corpo della 54enne, per confermare cause e tempi del decesso.

Al termine degli esami autoptici la salma sarà restituita alla famiglia della donna, forse già oggi, in modo da poter fissare la data dei funerali cui potrebbe partecipare anche Elisabetta Ballarin che sta scontando 22 anni di carcere a Brescia (con la possibilità del lavoro esterno) perché ritenuta coinvolta nel delitto della 25enne Mariangela Pezzotta, a gennaio 2004. Delitto da cui presero le mosse le indagini che portarono alla scoperta dei crimini della cosiddette Bestie di Satana.

L’amministrazione del penitenziario avrebbe negato alla Ballarin il permesso per raggiungere la casa di famiglia subito dopo il decesso della mamma, ma per la esequie non dovrebbero esserci veti. Nel 2007 la Corte di Cassazione ha ritenuto i membri della setta responsabili di tre omicidi di almeno un suicidio indotto, le vittime erano tutti giovani che avevano avuto rapporti con il gruppo di assassini seriali.

© Foto TMNews - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail