Omicidio di Tommaso Onofri: morto il padre Paolo, era in coma dal 2008

L’uomo era stato colpito da un infarto nell’agosto 2008 2008 e da allora non si era più ripreso.


Si è spento questa notte, nella clinica privata di Fontanellato, Paolo Onofri, il papà del piccolo Tommaso, il bimbo di appena 18 mesi rapito ed ucciso il 2 marzo 2006 a Casalbaroncolo, nel parmense.

L’uomo era stato colpito da un infarto nell’agosto 2008 e da allora non si era più ripreso. Era ricoverato in stato vegetativo nella casa di cura privata di Fontanellato, in provincia di Parma, dove è deceduto questa notte.

I responsabili di quell’efferato delitto che sconvolse l’opinione pubblica appena pochi anni fa, sono stati assicurati alla giustizia. Mario Alessi sta scontando una condanna in via definitiva all'ergastolo, mentre Salvatore Raimondi, zio del bimbo, deve scontare 20 anni: aveva scelto di farsi giudicare con rito abbreviato, ottenendo così lo sconto di un terzo della pena.

Una terza persona, Antonella Conserva è stata invece condannata in via definitiva a scontare 24 anni di carcere grazie alla concessione delle attenuanti generiche. La donna, ex compagna di Alessi, è ritenuta una complice del rapimento e dell’omicidio del piccolo Tommaso.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail