Omicidio-suicidio a Firenze: uccide l’anziana madre e si toglie la vita

I corpi senza vita dei due sono stati rinvenuti nel pomeriggio di ieri e fin dai primi istanti si è pensato a un omicidio-suicidio.


Tragedia in un’abitazione di San Casciano in Val Di Pesa, piccolo comune in provincia di Firenze, dove ieri il 51enne Massimo Magazzini, imbianchino, ha ucciso sua madre con un colpo di fucile prima di togliersi la vita nello stesso modo.

I corpi senza vita dei due sono stati rinvenuti nel pomeriggio di ieri e fin dai primi istanti si è pensato a un omicidio-suicidio. I successivi rilievi non hanno fatto altro che confermare quella dinamica: l’uomo, per motivi ancora da chiarire, ha preso il fucile da caccia che deteneva regolarmente e ha aperto il fuoco contro l’anziana madre, Lina Nesi, 83 anni.

Subito dopo, secondo la ricostruzione dei militari, l’uomo avrebbe rivolto il fucile da caccia contro sé stesso e si è tolto la vita sparandosi in bocca.

I due si erano trasferiti a San Casciano, da Montespertoli, nel 2004. Al momento non è chiaro cosa abbia spinto l’uomo a questo folle gesto, ma le indagini sono ancora in corso: Magazzini non aveva problemi di natura economica e la madre, nonostante l’età, godeva di buona salute, tanto che nemmeno i parenti dei due riescono a capacitarsi di quanto accaduto.

  • shares
  • Mail