Cagliari, agricoltore ucciso a fucilate: arrestato Salvatore Floris

I cavalli di Zanda, dicono gli inquirenti, sarebbero più volte sconfinati nel terreno di Floris e questo avrebbe mandato l’uomo su tutte le furie.


E’ finito in manette nella notte il presunto responsabile dell’omicidio di Salvatore Zanda, l’allevatore di cavalli ucciso con una fucilata a pallettoni sabato scorso a Villasimius, piccolo comune in provincia di Cagliari.

Salvatore Floris, 73 anni, allevatore in pensione, titolare di un’azienda in un terreno confinante a quello di Zanda, è stato bloccato dai militari e, secondo quando trapelato, avrebbe già ammesso la propria responsabilità, confessando di aver ucciso il vicino di terreno per pregresse liti sul pascolo.

I cavalli di Zanda, dicono gli inquirenti, sarebbero più volte sconfinati nel terreno di Floris e questo avrebbe mandato l’uomo su tutte le furie. Così, dopo l’ultima invasione di terreno, il pensionato avrebbe imbracciato il fucile e colpito il vicino, di qualche anno più giovane, uccidendolo.

Le indagini, condotte dai carabinieri della compagnia di San Vito e del comando provinciale di Cagliari, sono state coordinate dal sostituto procuratore Danilo Tronci.

  • shares
  • Mail