Doppio attentato ad Istanbul: 13 morti, 140 feriti


Secondo quanto afferma la tv turca NTV, circa 13 persone hanno perso la vita e 140 sono state ferite per l'esplosione di due bombe nel quartiere commerciale di Gungoren, nella periferia di Istanbul.

Inizialmente si era creduto ad una fuga di gas finita nel peggiore dei modi, ma poi la polizia ha confermato quanto dichiarato dai testimoni: si è trattato di attentati.

Due esplosioni a distanza di 20 minuti l'una dall'altra, la prima si è verificata all'interno di una cabina telefonica, mentre il secondo ordigno era nascosto in un cassonetto dei rifiuti a circa dieci metri di distanza.

Così la seconda esplosione ha colpito in pieno la folla che si era radunata sul luogo del primo attacco, con conseguenze disastrose.

L'intera zona è stata resa inaccessibile dalla polizia, sia per rendere più veloci i soccorsi, ma anche per permettere agli artificieri di verificare la presenza di un terzo ordigno, come ipotizzato da una telefonata anonima.

Secondo quanto riferito dai medici del Gungoren Kolon Hospital tutti i feriti sarebbero in gravi condizioni, ma come accade nel caso di eventi in diretta le notizie che ci giungono sono ancora un po' incerte e frammentate.

Non è la prima volta che Istanbul è teatro di attentati compiuti da gruppi separatisti curdi, formazioni di estrema sinistra e movimenti islamici. Al momento non ci sono state rivendicazioni, ma gli agenti stanno comunque privilegiando la pista curda del Pkk.

Ne sapremo sicuramente di più nelle prossime ore.

Via | SkyTg24

  • shares
  • Mail