‘Ndrangheta a Roma, 3 arresti per l’omicidio di Vincenzo Femia

L’organizzazione sgominata oggi dalla Squadra Mobile di Roma si occupava di traffico di droga ed era seriamente intenzionata a gestire gran parte del traffico di stupefacenti della Capitale.


Operazione contro la 'ndrangheta nella Capitale, tre arresti che hanno permesso di far luce sull’omicidio del presunto boss Vincenzo Femia, assassinato il 24 gennaio dello scorso anno in via della Castelluccia di San Paolo, in zona Laurentina a Roma, dopo esser stato attirato in quella zona isolata con la scusa di concludere un affare di droga.

I tre arrestati sono vicini alla cosca di San Luca e, secondo quanto ricostruito dai militari, avevano messo in piedi una vera e propria organizzazione criminale a Roma indipendente dalla Casa Madre, pur restando a essa collegata.

L’organizzazione sgominata oggi dalla Squadra Mobile di Roma si occupava di traffico di droga ed era seriamente intenzionata a gestire gran parte del traffico di stupefacenti della Capitale.

Proprio per questo motivo, rivelano gli inquirenti, si sarebbe deciso di uccidere Femia, ostacolo dei loro piani di conquista del mercato della droga romano.

Oltre ai tre arrestati oggi per omicidio e traffico di droga, l’organizzazione aveva anche un altro membro, Gianni Cretarola, finito in manette nel luglio dello scorso anno con le stesse accuse.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail