Avezzano, maxi operazione antidroga: 25 persone in manette

Tra le persone finite in manette ci sono Said Yatimenabi, 29enne marocchino che secondo l’accusa avrebbe avuto un ruolo importante nella gestione dello spaccio di droga.


Operazione antidroga nella Marsica, la diretta conclusione di un’indagine lunga due anni e che ha coinvolto i comuni di Avezzano, Luco dei Marsi e Trasacco, finalizzata a decapita un’organizzazione criminale composta prevalentemente da uomini di nazionalità marocchina.

La banda, secondo quanto accertato dalla Procura della Repubblica di Avezzano che ha disposto i 25 arresti eseguiti dalle prime ore di oggi, era responsabile del mercato della droga dell’area.

Nel corso dell’operazione, denominata Lucus Angitiae, sono stati coinvolti oltre 50 agenti del Corpo Forestale dello Stato, 13 mezzi e un elicottero, che hanno passato al setaccio l’intera zona coinvolta, identificando i destinatari dell’ordinanza.

Tra le persone finite in manette ci sono Said Yatimenabi, 29enne marocchino che secondo l’accusa avrebbe avuto un ruolo importante nella gestione dello spaccio di droga, e i connazionali Ettalaouy Elmati e Adoio Abderrazakk, che si trovavano già ai domiciliari. Molti altri risultano ancora latitanti e le loro ricerche sono in corso.

Durante l’operazione sono state eseguite quasi un centinaio di perquisizioni e il bar Angizia, in pieno centro a Luco dei Marsi, è stato chiuso dopo esser stato identificato come crocevia dello spaccio.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail