Blitz dei Nas in tutta Italia: cibo scaduto, giocattoli e lucine pericolosi

250 tonnellate di alimenti avariati e scaduti da anni, 15mila giochi e illuminazioni irregolari.

I carabinieri del Nucleo antisofisticazione hanno condotto oltre duemila ispezioni in tutta Italia in questo periodo pre-natalizio e hanno trovato tonnellate di cibo scaduto, giocattoli e lucine di Natale irregolari e potenzialmente pericolosi per la salute, ma pronti a essere venduti.

L'operazione dei carabinieri si chiama proprio "Pulizie di Natale" e nella maggior parte dei casi i prodotti sequestrati sono strettamente correlati alle festività. Si tratta infatti di alimenti tipici dei cenoni di Natale e Capodanno come formaggi, pesce, salumi, carne, dolci tra cui panettoni senza etichettatura e venduti come artigianali, zucchero, cioccolato a scaglie, semifreddi, gelati, frutta congelata, sciroppi, mandorle, marmellate, e poi ancora cannoli e creme per ripieni scadute anche da più di sei anni, ma rietichettate. Su tutti questi prodotti, infatti, c'era una sovrapposizione di etichette e un evidente cattivo stato di conservazione.

Sono stati sequestrati anche giocattoli senza l'etichetta CE e illuminazioni potenzialmente pericolose. Le irregolarità accertate sono 600, le persone coinvolte e segnalate alle autorità giudiziarie, amministrative e sanitarie sono 691 e le violazioni amministrative sono in totale di più di 700mila euro, mentre 43 strutture sono state chiuse o poste sotto sequestro.

I Nas di Pescara e Caserta hanno trovato più di 25 tonnellate di un prodotto tipico del Natale come gli anelli di totano che era stati scongelati scena procedure di autocontrollo e non avevano la documentazione sulla tracciabilità. Alcuni di questi prodotti erano di origine argentina ed erano stato portati in Italia attraverso la Spgna ama senza la prenotifica all'Ufficio veterinario per gli adempimenti comunitari di Napoli.

In provincia di Torino la segnalazione di cibo avariato in un supermercato è arrivata dai cittadini, che si sono lamentati per il cattivo odore proveniente da uno dei banconi frigo. Sono stati così trovati insaccati, formaggi e altri alimenti avariati, alcuni scaduti ma con la data di scadenza cancellata grazie all'uso di solventi. Sui formaggi c'era la muffa perché non erano stati conservati in modo corretto, erano stati tagliati da molto tempo e coperti da pellicole che ormai erano diventate gialle.

In tutta Italia sono stati sequestrati oltre duemila litri di sostanze della famiglia del Cafodos che contengono perossido di idrogeno e servono per far sembrare freschi carne e pesce. A Roma, in un negozio cinese, sono stati trovati 10mila giocattoli senza marcatura CE, a Palermo, Perugia e Ancona altri oggetti come accessori per smartphone, decorazioni natalizie e altri gadget che erano stati importati senza indicazioni in italiano e senza certificazione CE. A Milano, sempre in negozi cinesi, sono state trovate più di mille confezioni di "uova cent'anni", una specialità della cucina cinese la cui importazione in Italia è vietata e sono state sequestrar anche otto tonnellate di anatre sviscerate del valore di circa 90mila euro che sono state importate dall'Ungheria, ma conservate male. Tutti questi prodotti erano destinati alla vendita al dettaglio in supermercati e macellerie.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail