Roma: francese picchia la figlia e le rompe la testa sul marmo

militeAttimi di paura ieri sera a Roma, quando Julien Monnet, un turista francese di 37 anni, intorno alle 23 a Piazza Venezia ha violentemente picchiato la figlia di 4 anni sbattendole la testa sul marmo dell'Altare della Patria.

Alcuni passanti hanno notato il comportamento anomalo dell'uomo, che strattonava la bimba, così l'hanno seguito fino a Piazza Venezia e hanno segnalato tutto ai vigili.

Anna Esposito, la vigilessa che si trovava in zona si è accorta che l'uomo stava male e quando si è avvicinata per chiedere spiegazioni, l'uomo ha iniziato a picchiare la bambina.

Secondo una prima ricostruzione l'uomo è riuscito a liberarsi da chi lo bloccava e ha iniziato a prendere a testate il marmo alla base del monumento così come aveva fatto con la figlia: solo l'intervento dei carabinieri è riuscito ad immobilizzare definitivamente il turista.

L'uomo è stato in un primo momento medicato al Fatebenefratelli e successivamente trasferito nel carcere di Regina Coeli con l'accusa di lesioni gravissime, mentre la piccola è stata trasportata con codice rosso all'ospedale Bambino Gesù.

Attualmente la giovane vittima è in stato di coma post operatorio: il profondo trauma cranico provocatole dal padre ha richiesto un intervento neurochirurgico d'urgenza.

E' stato reso noto poco fa che l'uomo soffre di problemi psichici e a confermare il tutto la notizia del ritrovamento di psicofarmaci nel suo zaino.

In mattinata è stata rintracciata la madre della piccola, in vacanza in Turchia. La donna è già in viaggio per Roma. Ha riferito di non spiegarsi la presenza del convivente a Roma: doveva trovarsi a Parigi.

La vigilessa Esposito è poi andata a trovare la bambina in ospedale con la speranza che sopravviva all'accaduto e ha aggiunto "Cosa le diranno poi? Che suo padre l'ha quasi ammazzata?"

via | Corriere.it

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: