Quarto Grado ultima puntata 13 dicembre 2013

Si parlerà del processo per la strage di Viareggio, di Roberta Ragusa e di Katia Tondi questa sera a Quarto Grado.

È il 29 giugno 2009 quando un treno che trasporta GPL deraglia alla stazione di Viareggio: c'è un'esplosione e poi un incendio divampa. Muoiono 32 persone che abitano nei pressi della stazione. Di chi è la colpa di tutto questo? Alla sbarra ci sono ora 33 persone e sette società.

Il processo dovrà stabilire perchè il treno è deragliato e come è potuto accadere che uno dei vagoni di gpl si sia bucato. Marco Piagentini, uno dei sopravvissuti presenti in studio, racconta il terrore di quella notte e chiede giustizia.

Si è trattato del disastro ferroviario italiano più grave dal dopoguerra.

Quarto Grado torna il 10 gennaio con la nuova stagione.

Sabrina Misseri e Cosima Serrano sono innocenti?


Sono passati otto mesi dalla sentenza di condanna di Sabrina Misseri e sua madre Cosima, per l'omicidio di Sarah Scazzi, ma le motivazioni ancora non sono state messe nero su bianco dai giudici. Viene da chiedersi: e se una delle donne fosse innocente? Claudio Scazzi, fratello della vittima, presente in studio, è però certo della verità accertata dalla Corte.

Sulla posizione di Sabrina, Ilaria Cavo ha sentito il suo avvocato, il professor Coppi. Quest'ultimo si dice assolutamente certo dell'innocenza della sua assistita, e basa la sua convinzione sulle telefonate e i tabulati e sui tempi del delitto.

Un aspetto importante è l'arma del delitto, che non è mai stata trovata. Si è parlato di una cintura o di una corda. Secondo il generale Garofano non è possibile stabilirlo con certezza, visto che il corpo di Sarah è stato in acqua per troppo tempo.

Chi ha ucciso Katia Tondi?


I sospetti per l'omicidio di Katia Tondi sono caduti subito sul marito, Emilio Lavoretano, sposato solo dieci mesi prima. Nel loro matrimonio c'erano molti problemi, ma basta questo per indicare Emilio come assassino?

La casa della coppia, in cui è avvenuto il delitto, rimane sotto sequestro, per cercare di capirne di più. Emilio ne aveva chiesto il dissequestro per venderla.

Che ci siano tracce dell'uomo in casa è normale, visto che viveva lì. Anche per questo è difficile escludere la sua colpevolezza o esserne certi. Potrebbe essere stata una rapina, visto che la casa era sottosopra, ma sembra quasi che chi ha rapinato sapesse bene dove andare a cercare.

Annamaria Franzoni uscirà dal carcere?


Annamaria Franzoni ha chiesto gli arresti domiciliari. I giudici hanno stabilito che dovrà sottoporsi ad un'altra perizia psichiatrica. In studio si ripercorre quanto accaduto a Cogne quel 30 gennaio del 2002: è stata davvero lei ad uccidere il piccolo Samuele?

Il generale Garofano, che all'epoca si occupò delle indagini, ripercorre quanto accaduto, con particolare attenzione all'arma del delitto, che dovrebbe essere un oggetto provvisto di manico.

La Franzoni è l'unica 'mamma assassina' detenuta in un carcere ordinario. Lei continua comunque a proclamarsi innocente.

Dov'è Roberta Ragusa? I testimoni sono attendibili?


Dov'è Roberta Ragusa, sparita quasi due anni fa? Moltissime le segnalazioni arrivate a Quarto Grado, secondo le quali il corpo della donna potrebbe essere fatto sparire nell'inceneritore della zona. La trasmissione decide quindi di andare a verificare sul posto. Ciò che salta agli occhi è che un corpo tra i rifiuti sarebbe stato notato, se magari finito in un cassonetto. Nessuno, poi, si sarebbe potuto introdurre all'interno dell'inceneritore senza essere visto.

Quarto Grado va a Lampedusa, luogo d'origine di Pasquale Davì, il cuoco che dice di aver visto Roberta Ragusa a Nizza. I parenti e gli amici credono alla sua buona fede, ma è davvero così? E gli altri due testimoni che dicono di aver visto una donna in pigiama vicino casa Logli la notte della scomparsa, salire su un'auto? Era Roberta? Sono testimoni sinceri?

Quarto Grado anticipazioni puntata 13 dicembre 2013, gli argomenti di oggi


Il processo in corso per la Strage di Viareggio del 29 giugno 2009 è al centro dell’ultimo appuntamento stagionale con Quarto Grado (che tornerà dal prossimo 10 gennaio 2014), in onda oggi venerdì 13 dicembre, alle ore 21.10 su Retequattro.

Di chi è la responsabilità del deragliamento del convoglio e dell’esplosione della cisterna Gpl che provocò 32 vittime? È possibile scongiurare altri incidenti di queste proporzioni? Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero, approfondisce le carte del fascicolo d’indagine che, aperto da più di quattro anni, conta 33 imputati.

Si tornerà poi a parlare del caso della scomparsa di Roberta Ragusa: quanto sono attendibili i nuovi testimoni? Il settimanale a cura di Siria Magri torna con importanti novità sugli sviluppi delle ricerche dell'imprenditrice pisana, svanita nel nulla la notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012.

Nuzzi, inoltre, aggiorna i telespettatori sul delitto di Katia Tondi: all’indomani dell’udienza del Riesame contro il sequestro dell’appartamento di Emilio Lavoretano, marito della donna indagato per omicidio volontario, Quarto Grado torna ad occuparsi della scena del crimine e del rapporto tra i coniugi.

Su Crimeblog il consueto liveblogging della puntata.

Quarto Grado puntata 13 dicembre 2013

  • shares
  • Mail