Gela: minaccia di gettare il figlioletto dal balcone, arrestato un 50enne

In manette per maltrattamenti in famiglia un disoccupato romeno. La moglie costretta da tempo a subire ingiurie e percosse.

Ha minacciato di lanciare il figlio di due anni dal balcone di casa al culmine di una lite con la moglie. È accaduto a Gela dove un cittadino romeno di 50 anni è stato arrestato questa mattina dalla polizia.

L’intervento degli agenti del locale commissariato - allertati dalla moglie - ha scongiurato quella che poteva essere una tragedia: l’uomo è finito in carcere con l’accusa di maltrattamenti in famiglia. Solo dopo aver trattato a lungo con lui, che si era chiuso in casa sbarrando la porta, i poliziotti sono riusciti a farlo ragionare e a farsi aprire.

All’apparenza il 50enne era in preda ai fumi dell’alcol. Il figlioletto - ancora scosso - era adagiato sul letto all’interno di un appartamento senza corrente elettrica e in condizioni igienico-sanitarie precarie.

La moglie ha poi raccontato agli investigatori dell’indole violenta dell’uomo e che da tempo ormai era costretta a subire minacce, ingiurie e percosse. In un’occasione il marito le avrebbe puntato un coltello alla gola, un’altra volta l'avrebbe colpita in testa con una caffettiera. La donna finora non lo aveva mai denunciato per paura.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail