Gestore marchio Trony su Roma arrestato per evasione fiscale

Alessandro Febbraretti è finito in carcere. L'Agenzia delle entrate: 20 milioni di euro sottratti all'erario.

Alessandro Febbraretti, rappresentante legale e amministratore del gruppo Edom spa, che ha l’esclusiva del marchio Trony sul mercato capitolino, è stato arrestato oggi con l’accusa di evasione fiscale dal nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza di Roma.

L’uomo è finito in carcere in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Giulia Proto, su richiesta avanzata dal pm Stefano Rocco Fava e dall'aggiunto Nello Rossi.

A Febbraretti sarebbero contestati tutta una serie di reati fiscali, dalla dichiarazione fraudolenta con l’uso di fatture per operazioni inesistenti alla dichiarazione infedele fino all’emissione di fatture per operazioni fittizie.

Gli uffici dell’Agenzia delle Entrate hanno stimato un'evasione, con conseguente danno per le casse dell'erario, di 20 milioni di euro, nel periodo 2009-2011.

Le indagini, spiega Il Messaggero, erano partite a gennaio scorso, dopo che il gruppo Edom avrebbe emesso fatture non registrate ma contabilizzate dalle singole società controllate che gestiscono poi i diversi negozi. Così secondo gli inquirenti venivano creati fittizi crediti d'Iva e il gruppo emetteva false note di credito per non far risultare in squilibrio i bilanci.

A carico dell'indagato è stato disposto un sequestro di beni “per equivalente” con l’apposizione dei sigilli ad alcuni immobili a Roma e auto a lui riconducibili.

© Foto TMNews

  • shares
  • Mail