UBS nel mirino: e San Marino paradiso fiscale?

Ubs BankBrutto periodo per le banche: ci sono quelle che falliscono, come la IndyMac Bank, e quelle che finiscono nel mirino della magistratura, anche non solo in Italia. E' il caso della Ubs: che secondo il Senato americano, grazie alle magie del segreto bancario elvetico avrebbe favorito l'evasione fiscale negli Stati Uniti.

"i paradisi fiscali sono implicati in una guerra economica contro gli Stati Uniti. I perdenti sono i contribuenti e i lavoratori". I membri della commissione sono ora chiamati a analizzare le operazioni negli USA da parte della più grande banca svizzera ma anche della LGT del Liechtenstein. Entrambe, secondo le accuse, con il loro operato hanno causato all'erario americano minori entrate per 100 miliardi di dollari all'anno

La UBS, coinvolta anche, grazie a Gaetano Bassolino nello scandalo dei derivati acquistati a partire dal 2005 dal Comune di Milano, è quindi nel mirino del Senato Usa. E della LGT Bank, chi si ricorda più? Vi ricordate della lista? Ne avevamo parlato parecchio in passato. Ecco cosa ha affermato Mark Branson, pezzo grosso implicato nella vicenda

"la nostra inchiesta interna ha dimostrato comportamenti scorretti, che sono inaccettabili e pertanto l'UBS non offrirà più prestazioni bancarie Offshore a clienti statunitensi e collaborerà con le autorità americane per identificare i clienti che si sono macchiati di frode fiscale".

Certo. Siamo tutti certi che andrà così. Voi ci credete? Lo so: è una domanda retorica. Ultima cosa: si pensa sempre a esotici paradisi fiscali, ma si dimentica San Marino...

  • shares
  • Mail