Foggia, uccide la moglie e si costituisce: arrestato Cosimo Damiano Perrone

Durante l’ultima crisi il marito ha perso la testa e ha strangolato la consorte con la corda delle tapparelle, uccidendola in pochi istanti.

Omicidio in famiglia a Cerignola, in provincia di Foggia, dove nella notte il 37enne Cosimo Damiano Perrone, disoccupato, ha strangolato a morte la moglie, Annunziata Cioffi, in preda a un raptus.

E’ stato lo stesso Perrone a denunciare l’accaduto dopo essersi reso conto del folle gesto. Il delitto, secondo quanto ricostruito, è avvenuto durante la notte: la donna, 54 anni, soffriva da tempo di depressione e non riusciva a dormire.

Durante l’ultima crisi il marito ha perso la testa e ha strangolato la consorte con la corda delle tapparelle, uccidendola in pochi istanti.

Quando i militari si sono recati nell’abitazione non hanno potuto far altro che constatare il decesso della donna e fermare l’uomo con l’accusa di omicidio.

  • shares
  • Mail