Pistoia, riscuotevano la pensione di parenti deceduti: due denunce

La Gdf ha sequestrato ai due denunciati beni per 53mila euro.

Una truffa ai danni dell’Istituto nazionale di previdenza sociale è stata scoperta dalla guardia di finanza a Pistoia: due persone sono accusate di aver riscosso indebitamente la pensione della madre e di uno zio morti nel 2007.

I militari delle fiamme gialle questa mattina hanno sequestrato beni per 53.589 euro, tra cui un immobile, a due pistoiesi.

Dai controlli bancari e patrimoniali eseguiti dalle fiamme gialle è saltato fuori che il figlio della pensionata deceduta si è appropriato dal 2007 al 2009, in modo fraudolento, di qualcosa come 30mila euro, mentre un nipote dell'uomo morto sei anni fa ha percepito indebitamente più di 23.500 euro, in un anno, dal 2007 al 2008. Tutto ciò grazie alle deleghe per operare sui libretti postali intestati ai congiunti, libretti su cui venivano accreditate le pensioni da parte dell'Inps e dell'Inpdap, che intanto sono stati accorpati.

Le due persone smascherate dalla Gdf di Pistoia se la sono cavata con una denuncia per truffa aggravata ai danni dello Stato e un sequestro "per equivalente" di quanto percepito senza averne alcun diritto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail