Quarto Grado ultima puntata 29 novembre 2013

Nella nuova puntata di Quarto Grado, su Rete4 con Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero, si parlerà ancora di femminicidio in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Quarto Grado torna venerdì prossimo 6 dicembre, sempre su Rete4 alle 21.10.

Il caso delle baby squillo a Roma


La droga gioca un ruolo fondamentale in questa storia, perchè le ragazzine ottenevano anche cocaina in cambio di sesso. Lo ha raccontato la quattordicenne al pm, dopo aver spiegato come lei e la sua amica quindicenne hanno iniziato a prostituirsi. Nell'interrogatorio la ragazzina rivela di pensare di non essere in grado di smettere, perché non vuole rinunciare ai soldi facili.

Giorgio Sturlese Tosi ci accompagna in un viaggio a Lugano, in Svizzera, dove la prostituzione è regolata e dove le prostitute pagano le tasse. Moltissimi italiani arrivano a Lugano proprio per questo motivo.

Meredith Kercher uccisa per la pulizia del bagno?


Meredith Kercher è stata uccisa per un diverbio sulla pulizia del bagno? È questa la nuova ipotesi avanzata dall'accusa.

Intanto Raffaele Sollecito è partito nuovamente da Firenze alla volta della Repubblica Dominicana. Sull’isola, Sollecito dovrebbe essere ospite di un’amica di famiglia per poco più di una settimana: dopo il 10 dicembre, infatti, il giovane tornerebbe in Italia per sostenere l’ultimo esame di laurea in informatica. Solo tre settimane fa, Sollecito era tornato in Italia per rilasciare la propria deposizione alla Corte d'Assise di Firenze in occasione del processo d'appello bis per l'omicidio di Mez. La prossima udienza del processo, la cui sentenza finale è attesa per il 10 gennaio 2014, è prevista per il prossimo 16 dicembre.

Mariella Cimò è morta?


Salvatore Di Grazia ha davvero ucciso sua moglie, Mariella Cimò? Per i nipoti della donna e per gli inquirenti è lui che ha fatto sparire la moglie. L'uomo però continua a dire che sua moglie se ne è andata volontariamente. Il processo intanto va avanti e la sua posizione è sempre molto delicata. La prossima udienza è prevista per il 13 dicembre, come raccontato dall'inviato Simone Toscano.

La novità è un'intercettazione che incastrerebbe Di Grazia che, parlando con il compagno di cella, disse "Quando è morta mia moglie...". Si tratta di un lapsus o di una vera e propria confessione? Lui intanto dice: "Avrei avuto mille motivi per ucciderla, ma non l'ho uccisa".


Giuseppe Piccolomo è un serial killer? Ha ucciso lui Lidia Macchi?


Chi ha ucciso Lidia Macchi? La ragazza è stata uccisa 26 anni fa all’età di 21 anni in provincia di Varese. È il 5 gennaio 1987 quando la ragazza va a trovare in ospedale un’amica ricoverata e quando sta tornando a casa sparisce nel nulla. Viene ritrovata due giorni dopo, il 7 gennaio, morta in un boschetto. La ragazza è stata violentata e uccisa con 29 coltellate.

Due donne, prima di Lidia, sono state molestate da un uomo nel parcheggio dello stesso ospedale. Entrambe hanno dato la stessa descrizione del molestatore. La procura di Varese ha chiesto a Quarto Grado di acquisire le immagini e i filmati di Giuseppe Piccolomo, già in carcere per omicidio, per capire se possa essere lui il molestatore di allora. Le due figlie, infatti, lo accusano di essere l'omicida di Lidia: sarebbe stato lo stesso Piccolomo a vantarsi di essere l'assassino.

Ilaria Cavo, che ha intervistato in carcere Piccolomo, racconta che l'uomo è stato ufficialmente iscritto nel registro degli indagati per l'omicidio di Lidia Macchi. Le indagini vanno comunque avanti.

Le due figlie di Piccolomo, Cinzia e Tina, raccontano le molestie subite dal padre fin da quando erano bambine. E si dicono convinte che l'uomo abbia non solo ucciso la loro madre e la signora Carla Molinari, ma anche Lidia Macchi.

La scomparsa di Sergio Isidori: i familiari fanno un appello a Papa Francesco


Si torna a parlare del caso della misteriosa scomparsa di Sergio Isidori, sparito nel nulla 34 anni fa. I familiari si rivolgono ora a Papa Francesco perché interceda per loro con il parroco che qualcosa sa della scomparsa di Sergio e che potrebbe aver raccontato in un suo libro la versione dei fatti su quanto accaduto quel giorno di 34 anni fa. Questo anziano parroco, ascoltato dagli inquirenti, non avrebbe infatti raccontato tutta la verità, forse perchè ha saputo in confessione quanto avvenuto quel giorno. Secondo quanto scritto nel suo libro, Sergio dovrebbe essere stato ucciso il giorno stesso da un pedofilo e sepolto ai piedi di un mandorlo. Ma fino a quando la famiglia non avrà un corpo su cui piangere, continuerà a cercare Sergio vivo.


L'omicidio di Maria Anastasi: iniziato il processo a carico del marito e della sua amante


Maria Anastasi, incinta di nove mesi, è stata uccisa e barbaramente data alle fiamme il 4 luglio 2012. Di quel delitto sono accusati il marito e la sua amante. Presente in studio è Anna Rita, la figlia maggiore di Maria e del presunto assassino, Salvatore Savalli. Il processo contro Savalli e la sua amante, Giovanna Purpura, è iniziato, e i due si accusano a vicenda. L'uomo in udienza si è mostrato impassibile. La ragazza chiede che venga fatta giustizia e racconta una vita fatta di violenza e maltrattamenti in famiglia.


La scomparsa di Roberta Ragusa: Pasquale Davi è un testimone attendibile?


Si torna a parlare della misteriosa scomparsa di Roberta Ragusa, alla luce delle testimonianze di Pasquale Davi e di Campisi, che farebbero pensare a un allontanamento volontario della donna. Chi però la conosce bene, i suoi parenti e le sue amiche, si dice certo che Roberta non avrebbe mai abbandonato i propri figli.

Lo stesso criminologo Picozzi nutre seri dubbi sul fatto che la Ragusa possa davvero essersi allontanata volontariamente, perché non c'è nulla che lasci pensare a un'organizzazione in quella direzione.

In studio è presente il cuoco Pasquale Davi, che dopo l'ultima puntata di Chi l'ha visto, nella quale la sua testimonianza è stata smontata, viene messo 'sotto torchio' da Nuzzi, perché è chiaro che qualcosa non torna. Il conduttore precisa infatti che la trasmissione Quarto Grado vuole contribuire a trovare la verità e non far sì che dei personaggi in cerca di pubblicità si presentino in tv solo per confondere le acque.

Quello che per il momento è certo è che la Procura non lo ritiene un testimone attendibile. È stato lo stesso conduttore a chiamare in procura a Pisa e parlare coi magistrati. Così come è certo che le ricerche del corpo di Roberta continuano, anche nei pozzi della zona.


 


Quarto Grado anticipazioni puntata 29 novembre 2013, gli argomenti di oggi


Torna questa sera 29 novembre l'appuntamento con Quarto Grado che, in considerazione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne del 25 novembre, si occuperà ancora di femminicidio. Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero, in apertura di puntata, dedicheranno alle donne vittime di violenza un’installazione ispirata all’iniziativa avvenuta lo scorso lunedì in piazza Maggiore a Bologna: in studio tante sedie vuote con sopra solo scarpe rosse e cartelli con il nome delle donne “assenti”, perché uccise.

Si ripercorreranno poi alcuni casi di femminicidio. Tra questi, quello di Maria Anastasi (39enne incinta al nono mese di gravidanza, barbaramente uccisa e data alle fiamme il 4 luglio del 2012 nelle campagne trapanesi) e il mistero della morte di Lidia Macchi. E anche, la scomparsa di Roberta Ragusa e Mariella Cimò.

Prosegue, infine, la campagna anti-violenza di “Quarto Grado” che dallo scorso 6 settembre invita spettatori e spettatrici a inviare alla redazione fotografie con una scarpa rossa. Tutto il materiale raccolto grazie a questa iniziativa sarà montato in un allestimento artistico curato da Alessandro Gedda e itinerante in diverse città italiane.

Su Crimeblog il consueto liveblogging della serata.

Quarto Grado puntata 29 novembre 2013

  • shares
  • Mail