Napoli, estorsioni: 5 arresti nel clan Longobardi-Beneduce

Blitz dei carabinieri a Pozzuoli. L'accusa è estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Operazione anticamorra nel napoletano. I carabinieri dalle prime luci dell’alba di oggi hanno notificato 5 provvedimenti restrittivi ad altrettanti soggetti ritenuti affiliati al clan Longobardi-Beneduce attivo nella zona di Pozzuoli, comune di 83mila abitanti, dove sono stati eseguiti gli arresti.

L'ordinanza di custodia cautelare è stata vergata dal gip di Napoli su richiesta della direzione distrettuale antimafia partenopea.

Secondo le indagini dei militari dell’Arma, gli esponenti del gruppo camorristico finiti in manette si occupavano della gestione degli affari illeciti nella zona di Pozzuoli e da anni vessavano alcuni imprenditori, costringendoli a pagare il pizzo in occasione delle feste comandate, a Natale, Pasqua e Ferragosto.

Il blitz è scattato proprio qualche giorno prima che gli esattori dei Longobardi-Beneduce facessero il loro solito giro per incassare i soldi delle estorsioni delle festività di Natale, somme da destinare alle famiglie dei detenuti del clan.

(In aggiornamento)

  • shares
  • Mail