Nettuno, 3 arresti per l’omicidio del pregiudicato camorrista Modesto Pellino

L’uomo era stato a lungo luogotenente del clan Moccia ed era stato latitante dal 2008 al 2010, quando fu identificato ed arrestato ad Afragola.

C’è voluto più di un anno, ma alla fine il mistero che circondava l’omicidio di Modestino Pellino, ucciso a colpi di pistola nel luglio 2012 a Nettuno, in provincia di Roma, è stato risolto.

Oggi gli agenti della squadra mobile di Roma, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, hanno assicurato alla giustizia i tre presunti responsabili di quella esecuzione, tre pregiudicati camorristi identificati dopo lunghe e complesse indagini.

Era chiaro fin dal principio, infatti, che l’esecuzione di Pellino fosse un omicidio di camorra. L’uomo, detto o' Micillo, era stato a lungo luogotenente del clan Moccia, attivo nella zona di Afragola, ed era stato latitante dal 2008 al 2010, quando fu identificato ed arrestato proprio ad Afragola.

Il suo omicidio, e gli arresti di oggi lo confermano, sarebbe maturato proprio nella guerra tra clan, sempre più radicati nel litorale laziale.

Al momento dell’agguato in piazza Garibaldi a Nettuno, Pellino era sottoposto agli obblighi della sorveglianza speciale.

  • shares
  • Mail