Albania, sette pericolosi ergastolani evadono dalla prigione di Drenova

Gli evasi sono da considerarsi estremamente pericolosi e per questo i cittadini sono stati invitati a chiudersi in casa e non aprire la porta a nessuno.

E’ allarme a Drenova, cittadina albanese al confine con la Grecia, a circa 170 chilometri a sud di Tirana, dove da ieri è in corso una massiccia caccia all’uomo dopo la fuga di sette pericolosi detenuti dalla locale prigione.

I sette, tutti condannati all’ergastolo per omicidio, sono riusciti a disarmare le guardie della struttura e sono fuggiti a bordo di automobili approfittando di condizioni meteo sfavorevoli a una loro cattura immediata. Non è chiaro che direzione abbiamo preso, ma le autorità locali hanno prontamente lanciato l’allarme in tutto il Paese e diramato comunicazioni anche in Grecia e Macedonia.

Gli evasi sono da considerarsi estremamente pericolosi e per questo i cittadini sono stati invitati a chiudersi in casa e non aprire la porta a nessuno. Va da sé che i 7 ergastolani vogliano darsi alla macchia, ma non è escludo che possano provare a trovare riparo nelle abitazioni dei cittadini.

Un importante numero di agenti è coinvolto nelle ricerche a tappeto in tutta l’area e si temono scontri nel caso in cui gli evasi vengano rintracciati. I malviventi, affermano le forze dell’ordine, sono da considerarsi armati e seriamente intenzionati a non tornare dietro le sbarre.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail