Oscar Pistorius incriminato anche per possesso illegale di armi da fuoco

Oscar Pistorius è stato ufficialmente incriminato per aver violato le norme sul possesso di armi. Il processo al via il 3 marzo 2014.


Si aggrava ulteriormente la posizione di Oscar Pistorius, già accusato di omicidio premeditato in relazione alla morte della fidanzata Reeva Steenkamp. Oggi il portavoce della National Prosecution Authority ha rivelato che l’ex atleta è stato ufficialmente incriminato anche per violazione delle norme sul possesso di armi da fuoco.

I due nuovi capi d’accusa, collegati al Contravention of the Firearms Act, saranno integrati con quelli già contestati a Pistorius nell’ambito dell’inchiesta sull’omicidio della fidanzata e penderanno sulla testa del giovane sudafricano nel processo a suo carico che si aprirà il 3 marzo del 2014.

Il portavoce Nathi Mncube non ha fornito ulteriori dettagli, ma sembra che le nuove accuse siano collegate alle due sparatorie in luoghi pubblici avvenute nella regione di Johannesburg, una delle quali pochi giorni prima dell'omicidio di Reeva.

Pistorius, libero su cauzione e autorizzato a lasciare il Sudafrica per motivi sportivi, era già stato incriminato per omicidio premeditato e possesso di illegale di munizioni e rischia di venir condannato al carcere a vita con un minimo di 25 anni da scontare prima di poter avanzare richiesta per la libertà vigilata.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail