Agguato a Settimo Milanese: ucciso 48enne, ferito il figlio

Contro padre e figlio sarebbero stati esplosi diversi colpi di pistola all'interno del cortile dell’azienda di autotrasporti di cui la vittima era titolare.


    AGGIORNAMENTO 11.45 - La vittima è Franco Cangini, imprenditore 48enne con precedenti per droga secondo le prime informazioni. Suo figlio Igor, 21enne incensurato, è rimasto ferito in modo grave, ma non rischierebbe la vita. Tre i killer che sarebbero entrati in azione, l’arma usata è una pistola semiautomatica. Indagano i carabinieri.

Omicidio a Seguro, frazione di Settimo Milanese (MI) dove stamattina un uomo è rimasto ucciso e un altro ferito in un agguato a colpi di arma da fuoco. Si tratta di padre e figlio: a morire il genitore, di 48 anni, mentre il figlio, di 26, pur raggiunto dai proiettili non sarebbe in pericolo di vita.

Contro entrambi sarebbero stati esplosi diversi colpi di pistola all'interno cortile dell’azienda di autotrasporti di cui la vittima era il titolare.

Sul posto i carabinieri che hanno avviato le indagini dopo una telefonata al 112 che verso le 7.00 informava di spari sentiti in via Sabin.


Quando i militari sono giunti su luogo dell’agguato il 48enne era ancora vivo: portato in codice rosso al San Carlo di Milano è deceduto poco dopo il suo arrivo nel nosocomio. Il figlio è stato invece ricoverato in codice giallo all’ospedale Sacco di Milano e non sarebbe in pericolo di vita.

Nessuna ipotesi sul movente viene ancora esclusa, ma gli investigatori del nucleo investigativo del comando provinciale di Milano ricordano che a Settimo è in corso una faida tra famiglie di origine pugliese per il controllo dello spaccio di droga nella zona.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail