Palermo, Rosaria Quadrini sgozzata in casa: interrogato il compagno

Le attenzione delle forze dell’ordine si sono subito concentrate su un anziano di 80 anni che aveva una relazione con Grazia Rosaria.

Omicidio in via Tommaso Aversa, a Palermo, scoperto oggi dal fratello della vittima, preoccupato perchè da un paio di giorni non riusciva a mettersi in contatto con lei. Grazia Rosaria Quadrini, 63 anni, è stata rinvenuta sul pavimento del bagno di casa sua, nuda e con una profonda ferita da arma da taglio alla gola.

Nessun dubbio che sia stata uccisa. Quella sul collo, dicono gli inquirenti, è l’unica ferita rinvenuta sul corpo. La casa era in ordine e non sono stati riscontrati segni di effrazione, segno che l’assassino potrebbe nascondersi tra le frequentazioni della vittima.

Le attenzione delle forze dell’ordine si sono subito concentrate su un anziano di 80 anni che aveva una relazione con Grazia Rosaria, un uomo che frequentava spesso casa della vittima e con cui quest’ultima era solita discutere animatamente, cine confermato dai vicini di casa.

L’ultima lite sarebbe avvenuta venerdì scorso e da quel momento l’uomo non si sarebbe più recato in casa della donna. L’omicidio, però, secondo un primo esame del medico legale sarebbe avvenuto tra ieri pomeriggio e stamattina.

L’80enne è stato comunque condotto in caserma per essere interrogato, anche se gli inquirenti continuano a scavare nella vita della vittima alla ricerca di altre piste da battere.

La donna, fanno sapere gli inquirenti, viveva da sola e percepiva la pensione di reperibilità del padre, ma viene descritta da conoscenti e vicini di casa come una persona instabile e con un problema di alcolismo che più volte in passato aveva richiesto l’intervento dei sanitari del 118.

Le indagini proseguono.

  • shares
  • Mail