Lucca: strangolò Vanessa Simonini, confermata condanna a 16 anni per Simone Baroncini

L’uomo, reo confesso, fu condannato in primo grado a 30 anni di carcere, ma la sua pena fu ridotta a 16 in appello. Ora la Cassazione ha confermato quella riduzione.

La Corte di Cassazione ha confermato nella serata di ieri l’importante sconto di pena per Simone Baroncini, l’operaio di 38 nani che il 7 dicembre del 2009 uccise l'amica Vanessa Simonini, 20 anni, e ne abbandonò il corpo sul greto del Fiume Serchio, vicino Gallicano, in provincia di Lucca.

L’uomo, reo confesso poche ore dopo il ritrovamento del corpo, fu condannato in primo grado a 30 anni di carcere, ma la sua pena fu ridotta a 16 in appello il 13 giugno dello scorso anno dai giudici della Corte d’Assise d’Appello di Firenze, che decisero di concedere all’omicida le attenuanti generiche.

I familiari della vittima, uccisa per stessa ammissione di Baroncini perchè aveva rifiutatole sue avances, avevano presentato ricorso in Cassazione contro quella sentenza d’appello e ieri, alle 22.40, i giudici si sono espressi scrivendo la parola fine a questa ennesima tragedia tutta italiana.

La Corte di Cassazione ha confermato la sentenza di secondo grado, condannando così in via definitiva Simone Baroncini a scontare 16 anni di carcere per aver strangolato la sua amica, una persona che si fidava di lui. La famiglia di Vanessa non ci sta e ha già annunciato che farà di tutto per cambiare la sentenza:

Non posso accettare questo sconto di pena, me l’hanno uccisa un’altra volta... Vanessa non meritava questo, il suo assassino potrebbe tornare in semilibertà già tra meno di due anni. Io comunque non fermo la mia battaglia che punta proprio sulla certezza della pena: voglio arrivare a raccogliere le firme per un referendum.

A parlare è Maria Grazia Forli, mamma di Vanessa, che ha precisato anche come Baroncini, ora detenuto nel carcere di Pisa, non si sia mai fatto avanti in nessun modo per chiedere scusa e, “e non ha neppure tirato fuori un euro non solo del risarcimento, ma neppure delle spese legali”.

Per il prossimo 7 dicembre, quarto anniversario della scomparsa di Vanessa, è in programma una fiaccolata a Gallicano, il piccolo comune in provincia di Lucca in cui la giovane viveva insieme alla famiglia e in cui è stata uccisa.

Foto | Facebook

  • shares
  • Mail