USA, ricercato commenta un post su Facebook con la sua foto segnaletica: arrestato

Dei circa 250 commenti presenti nel post, una decina arrivavano proprio dal protagonista della vicenda, rintracciato e arrestato ieri mattina a Somersworth, nel New Hampshire.

Molti criminali continuano a sottovalutare il potere dei social network, convinti di essere al riparo dietro un monitor e una tastiera. Ne sa qualcosa Nicholas Edmond, fino a ieri ricercato nel New Hampshire, Stati Uniti, per violazione delle condizioni della libertà vigilata.

Il giovane, lo vedete in foto, si era reso irreperibile e la sua foto segnaletica aveva cominciato a fare il giro dei media locali. La stazione televisiva locale del New Hampshire, WMUR, si era unita alla diffusione dell’appello delle autorità, pubblicando su Facebook la foto di Edmond e una descrizione in cui il giovane veniva definito “armato e pericoloso”.


Il post non è sfuggito al giovane latitante, che non ci ha pensato due volte prima di mettersi a commentare quell’appello col suo stesso profilo, Sin Demon. Ha spiegato che le cose che venivano dette sul suo conto non erano vere, che non era in possesso di armi e che i media avevano diffuso falsità sul suo conto.

Ringrazio tutti quelli che si sono espressi in mia difesa. Non sono un angelo, ma nemmeno il pericoloso criminale che dicono loro […] mi piace che le persone credono che sia vero solo perchè lo dicono al telegiornale. Credo che tutti debbano cominciare a pensare un po’ prima di saltare sulle loro tastiere.

Dei circa 250 commenti presenti nel post, una decina arrivavano proprio dal protagonista della vicenda. L’aver voluto fare quelle precisazioni sul suo conto si è rivelato un passo falso: il 27enne è stato rintracciato e arrestato ieri mattina a Somersworth, nel New Hampshire. Per lui, con precedenti per possesso di armi da fuoco, si sono aperte le porte del carcere.

Foto | Facebook

  • shares
  • Mail