Milano: picchia la compagna e le versa addosso una pentola d'acqua bollente

Arrestato un 44enne già noto alle forze dell'ordine. L'uomo, alla vista dei carabinieri, aveva minacciato di gettarsi dalla finestra.

In preda a una crisi di gelosia ha picchiato la compagna, poi non contento le ha versato addosso una pentola di acqua bollente. È accaduto in Brianza, dove in un appartamento a Carugate (Milano) ieri sera dopo le 21 un italiano di 44 anni, è finito in manette per le accuse di maltrattamenti aggravati, lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale.


I carabinieri sono intervenuti sul posto, in via Cascina Fidelina, su segnalazione di un automobilista che si è trovato davanti la vittima dell’aggressione, una 40enne bulgara, seminuda e semiustionata. La donna, raggiunta solo in parte dall’acqua bollente, era riuscita a guadagnare la porta di casa e scendere in strada per chiedere aiuto.

Poco dopo sono arrivate tre auto dei carabinieri. I militari dell’Arma sono saliti nell’abitazione arrestando Pietro A., disoccupato, con precedenti penali per furto. L’uomo, alla vista delle forze dell’ordine, si era barricato in casa minacciando di gettarsi dalla finestra, al primo piano, dell’appartamento. Poi, quando i carabinieri hanno fatto irruzione, ha tentato di fare opposizione all'arresto.

Il 44enne è ora nel carcere milanese di San Vittore. Le condizioni della donna, che ha raccontato di subire maltrattamenti da mesi, non sono giudicate gravi, il pericolo di lesioni permanenti sarebbe stato già escluso dal personale sanitario.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail