Fabriano (Ancona): 13enne muore per un colpo di pistola

Il ragazzino si trovava da solo a casa. Al vaglio varie ipotesi, incluso il suicidio.

In una frazione di Fabriano, in provincia di Ancona, un ragazzino di 13 anni è morto a causa di un colpo di pistola che lui stesso ha esploso mentre era in casa da solo. Non è ancora chiaro se si tratta di un suicidio o se il tredicenne stava giocando con l'arma e involontariamente si è sparato addosso. Gli inquirenti per ora sembrano orientati soprattutto verso la prima ipotesi perché la mira sembra troppo precisa, ma non è ancora completamente esclusa la possibilità che si sia trattato di una tragica fatalità.

La madre ha scoperto la terribile fine del figlio quando è rientrata in casa verso le 18:45 di ieri sera e anche se ha chiamato il 118 non c'è stato nulla da fare perché il ragazzino era già morto prima che arrivassero i medici e i carabinieri.

Non sono stati trovati, almeno per ora, messaggi lasciati dal tredicenne, né bigliettini né frasi sui social network che potessero far pensare a un tale disagio da condurlo al suicidio. Secondo le testimonianze di chi lo conosceva, era una ragazzo attivo, andava bene a scuola (frequentava le medie), aveva molti amici e la sua famiglia era piuttosto conosciuta per via di una propria attività imprenditoriale.

Sia i genitori sia la sorella maggiore non avrebbero mai immaginato che il ragazzino potesse compiere un gesto del genere, soprattutto se si è trattato di un suicidio. Ma anche la possibilità che si sia messo a giocare così pericolosamente con l'arma sembra abbastanza strana, inoltre ci sarebbe un sms mandato alla madre: "Mamma ti voglio bene, addio",

Intanto, già dalla tarda serata di ieri, sono arrivati messaggi di affetto e vicinanza da parte dei concittadini nei confronti della sfortunata famiglia.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail