Riccardo Rasman: ucciso da 4 poliziotti, dopo due anni il processo

Riccardo Rasman era alto 1 metro e 85, pesava 120 chili ed era affetto da "sindrome schizofrenica paranoide". Il 27 ottobre del 2006 muore nella propria casa di Trieste dopo l'intervento di due pattuglie della polizia, aveva 34 anni ed è morto per "asfissia da posizione" dopo aver subito lesioni e violenze da quattro poliziotti.

La sindrome di Riccardo iniziò durante la leva militare, durante il quale subì numerosi episodi di quello che viene banalmente definito "nonnismo", ma che invece è un misto di violenza e prepotenza. E' da lì che Rasman inizia a vivere con la paura delle divise. Nei video una bella video-inchiesta sul caso.

La sera del 27 ottobre 2006 l'intervento delle pattuglie avvenne dopo la segnalazione di "spari" provenienti dalla casa di Riccardo, erano petardi per festeggiare il nuovo lavoro da netturbino. Arrivano gli agenti che gli intimano di aprire la porta, lui si rifiuta per paura rannicchiandosi sul letto. Gli urla contro. Loro sfondano la porta e nessuno li ferma.

Riccardo è stato trovato con le manette e le mani dietro la schiena, filo di ferro alle caviglie, diverse ferite e con segni di "imbavagliamento con blocco totale o parziale della bocca, effettuato con un cordino o con qualcosa di simile. Questo imbavagliamento avrebbe causato una ulteriore restrizione, soprattutto della respirazione". Anche se immobilizzato "esercitavano sul tronco, sia salendogli insieme o alternativamente sulla schiena, sia premendo con le ginocchia, un'eccessiva pressione che ne riduceva gravemente le capacità respiratorie". Da lì la morte per asfissia. La perizia legale recita:

"per causare le lesioni riscontrate gli agenti hanno usato mezzi di offesa naturale in maniera indiscriminata anche verso parti del corpo potenzialmente molto delicate, ma anche oggetti contundenti come potevano essere il manico dell'ascia rinvenuta nell'alloggio o il piede di porco usato dai vigili del fuoco per forzare la porta d'ingresso. Gli stessi agenti hanno ammesso di averlo utilizzato contro il braccio destro di Riccardo"

Un caso legato inevitabilmente a quello di Federico Aldrovandi, anche per un avvocato in comune, Fabio Anselmo. Dopo due anni finalmente il processo.

Tramite il Corriere apprendiamo che il processo per i 4 agenti sta per iniziare. Francesca Gatti, Mauro Miraz, Maurizio Mis e Giuseppe De Biasi tutti accomunati dallo stesso capo d'imputazione, omicidio colposo, anch'esso identico a quello del caso Aldrovandi. Quanto dovremo attendere per avere giustizia in questo che sembra sempre di più uno Stato di polizia?

Via | Pressante, Corriere

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 104 voti.  
29 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO