Omicidio Sarah Scazzi, parla il legale di Sabrina Misseri: "Michele agì da solo, aveva già molestato la nipote"

MicheleMisseriProcesso01

Sabrina Misseri e Cosima Serrano, in carcere con l'accusa di aver ucciso Sarah Scazzi, non sono detenute per le accuse formulate da Michele Misseri, ma per "altre testimonianze e riscontri".

Lo ha precisato ieri, al termine dell'udienza preliminare del processo per l'omicidio della 15enne, il sostituto procuratore Mariano Bucoliero. Una puntualizzazione doverosa fatta ai cronisti dopo l'accesa arringa del legale di Sabrina Misseri che, nel sostenere l'innocenza della sua assistita, ha addossato l'intera responsabilità del delitto sul padre Michele Misseri.

L'avvocato Franco Coppi è arrivato addirittura a puntare il dito contro Misseri, accusandolo di aver molestato Sarah e di averla uccisa per farla tacere.

Misseri, lo dica che lei ha violentato sua nipote e poi l’ha uccisa. Lo dica. Confessi di aver violentato sua nipote prima di ucciderla. Dica di aver già molestato la bambina in passato e di averla uccisa per paura che lei parlasse.

Per Franco Coppi la versione dei fatti da considerare veritiera è la prima fornita da Michele Misseri, quella in cui sosteneva di essere l'unica persona coinvolta nell'omicidio della nipote.

La confessione di Michele Misseri è la verità. La ritrattazione è invece menzognera. La ritrattazione della ritrattazione ha messo le cose a posto, spiegando tante cose. Ho detto non solo che non ci sono gravi indizi di colpevolezza, ma che c'è la prova dell'innocenza di questa malcapitata. Noi riteniamo che il delitto commesso da Michele Misseri sia ricollegabile ad un raptus sessuale o comunque ad un interesse sessuale nei confronti di questa bambina. Ho detto anche che Michele Misseri è una caso interessante dal punto di vista psichiatrico, ma non ho certamente sostenuto che non abbia capacità di intendere e di volere. Ne ha anche troppa.

Ora, in attesa della prossima udienza, i legali difensori delle due principali imputate dovrebbero presentare al gup istanza di scarcerazione.

Via | La Gazzetta del Mezzogiorno

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: