UK: Rebecca Aylward uccisa da Joshua Davies per una scommessa. La madre chiede giustizia

Rebecca Aylward e Joshua Davies

Sono passate poche settimane dalla condanna a 14 anni di carcere per l'adolescente inglese Joshua Davies che, appena 16enne, uccise a sassate la fidanzatina Rebecca Aylward per una perversa scommessa. In palio, infatti, c'era una colazione pagata da due suoi amici.

Davies, ne avevamo parlato in passato, aveva comunicato ai due ragazzini l'intenzione di uccidere Rebecca e, due giorni prima del delitto, glielo aveva anche confermato.

Per i due, però, non ci furono conseguenze ed ora la madre della vittima ha intentare una causa contro di loro. Il motivo è presto detto: sapevano cosa sarebbe successo e non hanno fatto nulla per impedirlo.

Lei, Sonia Oatley, si è data molto da fare in questi mesi e sostiene di esser riuscita a recuperare, nei vari social network frequentati dai tre giovani, nuove prove che confermerebbero quell'assurda scommessa.

Erano tutti e tre insieme la mattina dopo l'omicidio di Rebecca e ne avevano parlato molto anche su Facebook, soprattutto di quella scommessa. Ma siccome i due sono stati chiamati come testimoni dall'accusa, la polizia non ha preso alcun provvedimento contro di loro. Io voglio soltanto che vengano condannati per il loro ruolo nella vicenda.

Per la Oatley in questo caso ci sono ancora molte prove che non sono venute fuori e lei, come dichiarato alla stampa britannica, non ha nessuna intenzione di fermarsi fino a quando non avrà ottenuto giustizia.

Via | Mirror

  • shares
  • Mail