Omicidio Sarah Scazzi, si torna in aula: oggi dichiarazioni spontanee di Sabrina Misseri

Sarah Scazzi

Riprenderà oggi, a mezzogiorno, l'udienza preliminare del processo per l'omicidio di Sarah Scazzi, la 15enne uccisa ad Avetrana il 26 agosto dello scorso anno.

La prima a prendere la parola sarà Sabrina Misseri, accusata di omicidio volontario in concorso con la madre Cosima Serrano. La 23enne rilascerà alcune dichiarazioni spontanee a cui dovrebbe seguire l'intervento di suo padre Michele.

L'uomo, in un primo momento accusato dell'omicidio e successivamente scagionato - per lui restano le accuse di concorso in soppressione di cadavere, furto aggravato e danneggiamento - ribadirà ancora una volta l'innocenza delle due donne e si addosserà nuovamente la colpa del delitto.

Cosima Serrano
Sabrina Misseri
Michele Misseri

Lo farà presentando al gup Pompeo Carriere un memoriale di nove pagine in cui è contenuta la sua versione dei fatti, la stessa da lui ribadita nel corso di questi ultimi mesi:

Sarah è scesa nel garage dove mi trovavo io. Abbiamo cominciato a parlare, abbiamo discusso, poi Sarah mi ha toccato nelle parti deboli, io ho avuto un raptus, l'ho presa da dietro, lei è inciampata e ha battuto forte il collo sul compressore. Le ho preso subito i polsi, ho sentito che non c'era il battito e ho capito che era morta.

Questa versione, lo ricordiamo, è stata già smentita dalle prove della scientifica, ma Misseri continua imperterrito a sostenere che si tratti della verità.

Subito dopo l'intervento di Michele Misseri sono previste le dichiarazioni spontanee di suo fratello Carmine, accusato di aver aiutato Michele a liberarsi del cadavere di Sarah Scazzi.

Poi, secondo il programma, dovrebbe iniziare la requisitoria dei pubblici ministeri, il procuratore aggiunto Pietro Argentino e il sostituto Mariano Buccoliero.


Carmine Misseri e Cosimo Cosma
Il legale Vito Russo

Si tornerà in aula il 20 ottobre, quando prenderanno parola le parti civili e alcuni difensori degli imputati. Entro quella data dovrebbero anche essere formulate al gup le richieste di giudizio con rito alternativo già annunciate da alcuni difensori.

Le successiva udienze dovrebbero svolgersi lunedì 24 e giovedì 27 ottobre.

Via | La Gazzetta Del Mezzogiorno

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: