Neonato scomparso a Folignano, Denny Pruscino cambia versione: "E' morto, l'abbiamo seppellito nel bosco"

DennyPruscino

Ancora una nuova versione per quanto riguarda le sorti del piccolo Jason, il bimbo di appena 2 mesi e mezzo scomparso a Folignano da diverse settimane e non ancora ritrovato.

A cambiare versione dei fatti, stavolta, è stato il padre putativo Denny Pruscino, interrogato ieri per oltre cinque ore. L'uomo, in carcere con l'accusa di maltrattamenti, abbandono di minore in concorso e occultamento di cadavere, ha ritrattato quanto affermato in precedenza - "il bimbo è vivo ed è stato affidato ad una coppia" - ed ha allineato la sua versione a quella fornita in un primo momento da Katia Reginella, madre del bimbo, anche lei in carcere con le stesse accuse.

Jason, conferma Pruscino, è morto a seguito di una caduta accidentale mentre si trovava in braccio a sua madre. I due, a quel punto, avrebbero deciso di disfarsi del corpo seppellendolo in un bosco di Castel Trosino, a circa 15 chilometri da Folignano.

Il bimbo è caduto mentre Katia lo cambiava. Quando abbiamo visto che non si muoveva più lo abbiamo portato a Castel Trosino e seppellito lì.

Le ricerche del corpo, però, non hanno ancora prodotto alcun risultato. Ieri, proprio per confermare il suo racconto, l'uomo è stato accompagnato nella sua abitazione e da lì, insieme agli agenti, ha ripercorso tutto il tragitto compiuto insieme alla moglie.

E mentre le indagini proseguono, anche la Reginella ha cambiato versione: ora addossa l'intera responsabilità a Pruscino, sostenendo che fu l'uomo a scagliare il piccolo Jason a terra in un preda ad uno scatto d'ira.

Via | Il Resto Del Carlino

  • shares
  • Mail