Messico drug war: ex Kaibiles arruolati dai Los Zetas per addestrare le nuove reclute

"Se avanzo, seguimi... se mi fermo, affrettami... se retrocedo, uccidimi". E' questo il motto dei Kaibiles, i soldati di élite dell'esercito del Guatemala noti per la loro efferatezza e brutalità, autori del massacro di Dos Erres, nella regione settentrionale del Petén, del 1982 in cui persero la vita circa 250 persone.

E mentre nei giorni scorsi quattro soldati che parteciparono a quel massacro sono stati condannati a ben 6.060 anni di carcere, dal Messico arrivano conferme circa l'importante ruolo svolto dai Kaibiles nella guerra tra narcos che sta dilaniando il Paese.

Ne ha parlato il quotidiano Al Jazeera in un breve reportage firmato da Lucia Newman, che ha avuto modo di incontrare un gruppo di Kaibiles in un loro campo di addestramento.

Alcuni ex membri del gruppo sono stati recrutati dai Los Zetas, il gruppo paramilitare tra i più potenti e violenti attivi sul territorio messicano, con lo scopo di addestrare le nuove reclute.

Per la precisione, spiega la Newman, gli Zetas sono interessanti nelle strategie di guerra e nell'uso degli esplosivi.

Via | Al Jazeera

  • shares
  • Mail