Omicidio a Cerignola: uccisa Anna Maria Curci, arrestato Rosario Lupo

Avrebbe ucciso la donna con cui ha raccontato di aver avuto una relazione, poi si è autodenunciato. Con la sua Polo Wolkswagen Rosario Lupo si è presentato ieri alla caserma dei militari dell'Arma di Cerignola (Foggia) con il cadavere della vittima, Anna Maria Curci, 50 anni, avvolto in un telo. "Arrestatemi, ho ucciso una donna". Il corpo era adagiato sul sedile posteriore dell'auto con un coltello da cucina conficcato nel petto. Da Teleradioerre:

I due - stando a quanto dichiarato dall'uomo e riferito dagli organi inquirenti - avevano una relazione da circa dieci anni. Era un rapporto controverso. Negli ultimi tempi, poi - ha sostenuto Lupo durante l'interrogatorio - la donna diceva di essere incinta e di volersi sposare. Lo scorso 31 dicembre i due si sarebbero incontrati una prima volta per discutere della presunta gravidanza. Poi una seconda volta questa mattina, in località "Canneto" nelle campagne cerignolane. I toni della discussione sarebbero stati piuttosto accesi, tanto che, Lupo, colto, forse, da un raptus, avrebbe estratto un coltello da cucina che conservava in un vano portaoggetti dell'auto ed avrebbe accoltellato la donna.

La versione dei fatti fornita da Lupo però non avrebbe convinto del tutto gli inquirenti che in queste ore stanno cercando riscontri. Le indagini sono coordinate dal pm della Procura di Foggia Paola De Martino.


Update
Lupo, subito dopo il suo arresto, agli investigatori avrebbe detto di aver accoltellato Anna Maria Curci perché la donna avrebbe tentato di violentarlo, per cambiare poi versione. Le indagini ora proseguono per verificare se il racconto dell’uomo corrisponda a quanto realmente accaduto.

Via | La Gazzetta del Mezzogiorno

  • shares
  • +1
  • Mail