Brasile, rivolta in carcere: 25 morti

TO GO WITH AFP STORY BY ELLA IDE Photo taken on May 30, 2014 shows a cell at Regina Coeli prison in Rome. Crouched on bunk beds in the narrow cells of the Regina Coeli lockup in Rome, prisoners say Italy still has a long way to go to ease a chronic overcrowding problem condemned by the European Court of Human Rights. AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI        (Photo credit should read ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Sono almeno 25 i detenuti rimasti uccisi negli scontri avvenuti fra due fazioni rivali nel carcere di Boa Vista, la capitale dello stato brasiliano del Roraima, durante l’orario di visita.

Durante i disordini circa cento visitatori sono strati presi in ostaggio e successivamente liberati grazie all’intervento di una task force della polizia.

La rivolta è iniziata quando alcuni detenuti, armati di coltelli e bastoni di legno, hanno fatto irruzione in un’area del carcere nella quale erano tenuti i membri di una banda criminale rivale.

Alla base della strage vi è il sovraffollamento della Penitenciaria Agrícola de Monte Cristo che ha una capacità di 740 posti e ospita al momento 1400 detenuti.

Il Brasile è il quarto paese al mondo come numero di detenuti, con una popolazione carceraria che ammonta a circa 600mila persone.

A Boa Vista il mix di sovraffollamento e bande criminali ha creato una situazione decisamente esplosiva.

Secondo quanto riferito dagli organi di informazione brasiliani, sette cadaveri sono stati decapitati e altri sei carbonizzati.

Via | Tpi | 20 minutos

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail