Bovalino: arrestato il boss latitante Antonio Pelle, nascondiglio in casa

arresto laitante pelle

E' stato catturato Antonio Pelle, presunto boss dell'omonima cosca di 'ndrangheta San Luca (Reggio Calabria) che era latitante dal 2011, anno in cui era evaso dall'ospedale in cui era ricoverato a Locri. Pelle, 54 anni, detto "vancheddu" e noto anche come la "mamma", è stato arrestato dalla squadra mobile reggina.

La cosca Pelle è stata una delle protagoniste della sanguinosa faida di San Luca culminata con la strage di Duisburg, in Germania, di Ferragosto 2007 in cui restarono uccise sei persone.

Per il capobastone, inserito nell'elenco dei 100 ricercati più pericolosi d'Italia e in procinto di finire nella top ten, si sono aperte le porte del carcere, dove dovrà scontare una condanna a 20 anni di reclusione. L'uomo è stato arrestato all'interno di una intercapedine realizzata tra la stanza da letto e il bagno della sua abitazione di Bovalino, sempre in provincia di Reggio Calabria.

Il nascondiglio era stato realizzato con molta cura, i poliziotti mobile reggina ci hanno messo diverse ore a individuare il covo.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO