Omicidio Loris, chiesti 30 anni per Veronica Panarello: "Bugiarda e manipolatrice"


Il procuratore di Ragusa Carmelo Petralia e il pm Marco Rota hanno chiesto la condanna a 30 anni di reclusione per Veronica Panarello, accusata dell'omicidio volontario aggravato del figlio Loris.

Durissima la requisitoria andata in scena oggi a Ragusa: la donna - che era presente in aula - è stata definita dai pm "egocentrica, bugiarda e manipolatrice", a causa di un "protagonismo esagerato".

Si è parlato di un "contrastato rapporto" tra madre e figlio: Veronica Panarello, a detta dei pm, trattava il piccolo più come un amico che come un figlio.

"La mia assistita sa di rischiare una pena molto pesante visto che parliamo dell'omicidio di un bambino. Non abbiamo la prova della pistola fumante per il signor Andrea Stival, ma nel processo ci sono tanti piccoli tasselli che messi insieme possono andare al loro posto", ha detto l'avvocato difensore della donna Francesco Villardita.

  • shares
  • +1
  • Mail