Uccide ladro, indagato per eccesso di legittima difesa

spara ai ladri villa literno

Carlo Diana, il meccanico che ha ucciso a colpi di pistola un ladro mentre stava per rubargli l'auto a Villa Literno è indagato per eccesso colposo di legittima difesa. Per definire la sua posizione si attendono i risultati degli esami balistici e dell'autopsia sul corpo della vittima.

Villa Literno (Caserta): spara a tre ladri, uno rimane ucciso

21 marzo 2016

15:20 - Sempre più spesso ultimamente i politici italiani pescano nella cronaca. Nell'ultimo caso di ladro freddato dall'aggredito è intervenuto, nemmeno a dirlo, il leader leghista Matteo Salvini con un post su Facebook:

Sorprende i ladri in casa stanotte, spara e ne uccide uno.È successo a Villa Literno, nel casertano.Mi spiace per il...

Pubblicato da Matteo Salvini su Lunedì 21 marzo 2016

21 marzo 2016, ore 12:36 - Ha sparato a tre persone che stavano per rubargli l'auto a Villa Literno, nel casertano, e uno dei presunti ladri raggiunto dai proiettili è rimasto ucciso. Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Casal di Principe la scorsa notte i malviventi stavano rubando presso un'abitazione quando il proprietario accortosi della loro presenza ha premuto il grilletto mentre i tre stavano per fuggire con la sua auto.

I ladri poi sono arrivati con quella Bmw bianca davanti l'ospedale civile di Aversa dove hanno lasciato a terra il corpo del complice. La Bmw, data alle fiamme, è stata poi ritrovata nelle campagne di Gricignano di Aversa dove sono intevenuti i vigili del fuoco per spegnere l'incendio.

La moglie dell'uomo che ha sparato, le cui parole sono riporate dall'Ansa, ora dice:

''E' stata una nottata terribile. Non è bello sparare a una persona ma è l'ottava volta che vengono a rubare. Siamo davvero stanchi. Se questi banditi ci avessero detto che avevano bisogno di soldi li avremmo aiutati senza problemi come abbiamo fatto altre volte. Ma non puoi introdurti in casa mettendo in pericolo l'incolumità nostra e dei nostri figli''.

Il padrone di casa è stato portato nella caserma dei carabinieri di Casal di Principe per spiegare la sua versione dei fatti al pm della Procura di Napoli Nord, poi ha avuto un malore ed è stato accompagnato in ospedale.

  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: