Roma: spaccio di droga in ambulanza. Tre arresti

Ambulanza e Polizia, Italia

Un'indagine della polizia, portata avanti da più di due anni, ha prodotto oggi 3 arresti domiciliari, 7 denunce a piede libero e 4 interdizioni da pubblico ufficio. Al centro dell'inchiesta c'era l'autoparco dell' Umberto I di Roma. Un dipendente avrebbe utilizzato l'ambulanza dell'ospedale per spacciare cocaina, mentre altri hanno usato le vetture aziendali impropriamente per uso personale, pare per andare al bar e in un centro estetico. La benzina, poi, veniva messa sul conto del nosocomio.

Tra i reati ipotizzati ci sono truffa e peculato. L'indagine è stata innescata da un esposto anonimo inviato al commissariato di San Lorenzo, diretto da Giovanna Petrocca. Quest'ultimo l'ha condotta in collaborazione con gli agenti del commissariato del Casilino. Nell'attività investigativa ci si è avvalsi di pedinamenti e appostamenti.

Già nel settembre di due anni fa, ci furono una serie di perquisizioni all'interno di immobili di proprietà di sospetti. In quell'occasione, la polizia entrò in possesso di molti documenti probatori che, dopo i necessari accertamenti, sono stati trasmessi alla magistratura.

Nell'operazione denominata "Baronia" c'è anche il coordinatore dell'autoparco. A spacciare la cocaina con l'ambulanza sarebbe stato invece un dipendente, finito agli arresti. Le intercettazioni lo avrebbero tradito.

Infine, alcuni fra gli indagati avrebbero pilotato delle assunzioni nelle cooperative che avevano vinto bandi di concorso presso l'ospedale.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 18 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO