L'infermiera di Lugo Daniela Poggiali condannata all'ergastolo

È accusata di aver ucciso un'anziana con un'iniezione letale di potassio.

schermata-2016-03-11-alle-21-29-20.png

Daniela Poggiali - 44 anni, ex infermiera - è stata condannata all'ergastolo per l'omicidio di Rosa Calderoni. L'anziana, 78 anni, era ricoverata all'ospedale di Lugo, dove venne uccisa con un'iniezione letale di potassio.

Dopo otto ore di camera di consiglio, i giudici hanno quindi deciso per la condanna all'ergastolo, in seguito alla quale la donna ha fatto ritorno al carcere di Forlì. La durissima condanna è stata basata sull'omicidio con premeditazione e uso di mezzi venefici.

L'iniezione letale sarebbe avvenuta poco dopo le 8 del mattino dell'8 aprile 2014: Daniela Poggiali è entrata nella stanza dell'anziana ricoverata, facendo uscire la figlia della paziente e restando con lei per circa dieci minuti. Durante la quale avrebbe commesso l'omicidio. La difesa, invece, aveva puntato sulla completa assoluzione: "Dopo due anni non è emerso alcun riscontro. L'ipotesi accusatoria è solo suggestiva".

Daniela Poggiali potrebbe essere implicata anche in alcune morti sospette avvenute in passato (ma che in questo processo non sono state considerate) e anche in numerosi furti avvenuti mentre lei era di turno. Infine, l'opinione pubblica era rimasta molto colpita dalla foto che la donna si era fatta scattare sorridente di fianco a un cadavere.

  • shares
  • +1
  • Mail