Tangenti Anas, Guardia di Finanza: "Scoperto mercimonio e corruzione sistemica"

Officers of the Guardia di Finanzia, speak on the telephone in the operation room of the regional comando of the Lazio area on November 20, 2012 in Rome. The operation room of the Guardia di Finanza receives phone calls and launches operations related to tax abuses and tax controls.  AFP PHOTO / ANDREAS SOLARO        (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

13.15 - Dopo gli arresti di questa mattina nell'ambito dell'inchiesta sul giro di tangenti che ha coinvolto funzionari e dirigenti dell'Anas, la Guardia di Finanza fornisce maggiori chiarimenti.

"Il mercimonio della pubblica funzione e la sistematicità dell'asservimento della medesima sono stati i tratti essenziali (dell'inchiesta)" , affermano le Fiamme Gialle. Al momento, le accuse per dirigenti e imprenditori sono, a vario titolo, corruzione, turbata libertà degli incanti, autoriciclaggio e favoreggiamento personale.

Tangenti Anas: 19 arresti per dirigenti e imprenditori nell'inchiesta "Dama nera"


11 marzo 2016

- L'operazione è scattata alle prime luci dell'alba, e vede in azione circa 250 agenti della Guardia di Finanza del comando provinciale di Roma. Le Fiamme Gialle stanno eseguendo degli arresti nell'ambito di un'inchiesta per corruzione negli appalti pubblici. A finire in manette soprattutto dirigenti e funzionari del gestore della rete stradale e autostradale, Anas.

Le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Giudice per le indagini preliminari del tribunale di Roma riguarderebbero 19 persone. Nono solo uomini dell'Anas, ma anche imprenditori aggiudicatari di appalti per opere pubbliche di primo piano. I provvedimenti sono stati richiesti dalla procura della Capitale, e sono conseguiti ad indagini condotte dal nucleo di polizia tributaria della Finanza.

Secondo quanto affermano gli ultimi lanci di agenzia, fino a questo momento sarebbero state bloccate disponibilità finanziarie per un valore di circa 800 mila euro. Inoltre, le Fiamme Gialle avrebbero compiuto più di 50 perquisizioni. Askanews aggiunge che nella vicenda sarebbe coinvolto anche l'avvocato e politico Marco Martinelli, attualmente parlamentare di Forza Italia.

L'operazione è stata denominata "Dama nera", dal soprannome di Antonella Accroglianò, la dirigente che ha incominciato a circostanziare illeciti e a fare nomi alle forze dell'ordine.

(in aggiornamento)

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail