Cosenza, uccisa Anna Giordanelli: il cognato ha confessato il delitto

18.00 - La confessione è arrivata. Paolo Di Profio, fermato questa mattina e interrogato per ora dagli inquirenti, ha ammesso di essere l’autore dell’omicidio di Anna Giordanelli, confermando anche il movente emerso nel pomeriggio di oggi: l’uomo, cognato della vittima, attribuiva a lei la fine del proprio matrimonio con la sorella di lei.

14.10 - Secondo quanto riferisce la stampa locale, la persona fermata sarebbe on cognato della vittima. In base all’ultima ricostruzione dei militari, l’uomo avrebbe affiancato in auto Anna Giordanelli impegnata a fare jogging, sarebbe sceso e l’avrebbe colpita alla testa col piede di porco, abbandonando poi l’arma delle vicinanze.

Alla base del delitto ci sarebbero dei dissidi familiari: il sospettato sembra che attribuisse a Giordanelli la fine del proprio matrimonio con la moglie, sorella della vittima.

Maggiori dettagli saranno diffusi nelle prossime ore.
14.10 - La Repubblica annuncia che un uomo è in stato di fermo dopo esser stato interrogato in relazione all’omicidio di Anna Giordanelli. Al momento non sono trapelati altri dettagli, né sull’identità della persona - vicina alla vittima, secondo quanto emerso poche ore fa - né sul movente del delitto.

13.20 - A poche ore dal ritrovamento del corpo senza vita di Anna Giordanelli, gli inquirenti si sentono di escludere la pista passionale e l’ipotesi della rapina finita in tragedia. É ormai confermato che la donna sia stata uccisa con un colpo alla testa sferrato con un piede di porco, rinvenuto dagli inquirenti a pochi passi dal cadavere.

É ancora presto per capire cosa sia accaduto, ma pare che le indagini abbiano già imboccato la pista del delitto maturato in ambito familiare. Una persona di cui non è stata diffusa l’identità sarebbe già stata portata in caserma con gravi sospetti di aver commesso il delitto.

L’uomo, lo scrive l'ANSA, è sotto interrogatorio in queste ore.

9.00 - É avvolto dal mistero l’omicidio di Anna Giordanelli, medico di base di 53 anni, uccisa ieri pomeriggio a Cetraro, in provincia di Cosenza, mentre stava facendo jogging. L’esatta dinamica del delitto è ancora al vaglio degli inquirenti, ma stando alla prima ricostruzione la donna sarebbe stata colpita alla testa con un oggetto contundente non ancora identificato.

É accaduto nel pomeriggio di ieri. La vittima, sposata e con figli, è stata trovata morta sul ciglio della strada in via San Francesco. I soccorsi sono arrivati dopo la segnalazione di un passante che aveva ipotizzato un malore. I sanitari, giunti sul posto, non hanno potuto far altro che constatare il decesso e ipotizzare un’aggressione violenta.

Anna Giordanelli, secondo quanto ricostruito, stava facendo jogging da sola quando è stata aggredita e uccisa. Al momento ogni ipotesi è ritenuta valida, dal tentativo di rapina finito in tragedia all’aggressione mirata. Il procuratore Bruno Giordano si è limitato a precisare:

Tutte le ipotesi sono al vaglio. Dobbiamo valutare tutti gli elementi possibili prima di poter formulare ipotesi complete sulla natura di questo omicidio, che al momento appare indecifrabile.

L’autopsia sul corpo della donna è già stata disposta e sarà eseguita nelle prossime ore.

omicidio-a-cetraro.jpg


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 20 voti.  

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO