Carceri e suicidi, Orlando: "Lavoriamo a riforma"

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, rispondendo alle domande dei cronisti in merito ai due suicidi avvenuti nel giro di 24 ore nel carcere di Regina Coeli, ha spiegato di star lavorando ad una "profonda riforma" che possa aumentare il livello di sicurezza e di sorveglianza dei detenuti nelle carceri italiane, per abbassare il tasso di suicidi (decisamente altissimo) tra la popolazione penitenziaria.

"Prendendo spunto da quanto accaduto di recente proprio a Regina Coeli Orlando ha spiegato: questi episodi confermando l'esigenza di una riforma profonda del sistema carcerario che abbiamo iniziato superando il sovraffollamento negli ultimi mesi ma che si potrà concludere solo con una riforma complessiva, che stiamo preparando con coinvolgimento di tutto il mondo del carcere e che abbiamo definito Stati generali dell'esecuzione penale; si concluderà entro la fine di quest'anno. [...] bbiamo chiesto un adeguamento degli organici nella prossima legge di stabilità, abbiamo velocizzato le procedure per immettere organici e recuperare personale distaccato ad altre funzioni".

180872872.jpg

  • shares
  • Mail