India, 24enne confessa lo stupro e l’omicidio di oltre 10 bambini

La confessione del 24enne è ancora al vaglio degli inquirenti, ma alcuni degli omicidi ammessi avrebbero già trovato riscontro.

Era stato arrestato in relazione allo stupro e all’omicidio di una bambina di sei anni, ma al momento dell’interrogatorio non ha soltanto confessato quell’atroce crimine, ne ha ammessi almeno altri 14, tutti simili.

Il presunto serial killer di Delhi, in India, è un autista di appena 24 anni, Ravinder Kumar, reo confesso di violenza sessuale ai danni di 15 bambini e dell’omicidio di almeno 11 di loro. L’arresto è scattato lo scorso 15 luglio, quando la sua patente fu rinvenuta nei pressi del cadavere di una bimba di appena sei anni, abbandonato in una casa ancora in costruzione poche ore prima.

La confessione è arrivata subito: il 24enne ha ammesso di aver rapito la bambina la sera prima, mentre la piccola era uscita di casa per andare in bagno. Le avrebbe offerto del toffee e l’avrebbe portata in un’area isolata, dove l’avrebbe violentata e infine uccisa.

Lo stesso modus operandi degli altri casi confessati, tutti avvenuti dal 2009 ad oggi. Tra quelli resi noti dalla stampa locale ci sono gli omicidi di due bambine nel 2011 a Kanjhawala e nel 2010 a Mundka e quello di un bambino a Vijay Vihar. Altri sarebbero stati compiuti nel suo paese natale, Badaun, nel distretto di Uttar Pradesh.

Ravinder Kumar era già noto alle forze dell’ordine: lo scorso anno aveva rapito un bambino adescandolo con dei soldi e lo aveva sgozzato, non è chiaro se dopo aver abusato di lui o meno. Il piccolo fu abbandonato con un taglio alla gola nella fossa biologica di un edificio in costruzione a Begampur, ma l’intervento delle forze dell’ordine riuscì a salvargli la vita.

Il 24enne, nonostante le prove di colpevolezza, fu rilasciato su cauzione in attesa del processo. Questo non gli impedito di continuare a violentare e uccidere bambini in giro per il Paese. Ora, dopo l’inattesa confessione - ancora da verificare da parte delle forze dell’ordine, è stata messo in piedi un team proprio per questo - Kumar non dovrebbe rivedere la luce del sole molto presto.

Polizia indiana

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail