Napoli: uccide moglie, figlio e si suicida. Strage in casa a San Giovanni a Teduccio

strage san giovanni a teduccio

Ha sterminato la sua famiglia prima di togliersi lui stesso la vita. È accaduto a Napoli dove nel quartiere di San Giovanni a Teduccio un uomo di 50 anni, Cesare Cuozzo, avrebbe ucciso la moglie Anna Daniele, 51 anni, e il figlio Nicola, di 17. Poi si è suicidato.

Anna Daniele era sorella di Nino, l'assessore alla Cultura del Comune di Napoli. Sconcerto e cordoglio nell'amministrazione comunale partenopea che ha espresso la sua vicinanza "a Nino per l'immane tragedia che ha colpito la sua famiglia".

A scoprire i cadaveri sono stati ieri pomeriggio i carabinieri dopo una segnalazione di alcuni parenti dei Cuozzo che non riuscivano a contattarli da un giorno: quando un fabbro ha aperto al porta i militari dell'Arma si sono trovati di fronte alla macabra scena: Cesare Cuozzo, ex bidello, era riverso a terra, morto per ferite di arma da fuoco, vicino ai corpi senza vita della moglie e del figlio.

Nell'appartamento di Via Ammiraglio Aubry i militari dell'arma avrebbero trovato anche psicofarmaci. Come riporta la Repubblica Napoli, Cuozzo era assistito per problemi depressivi dal personale del centro di igiene mentale della locale Asl.

Secondo una prima ricostruzione dai fatti, l'omicidio-suicidio sarebbe avvenuto nella notte di martedì, Cuozzo avrebbe ucciso moglie figlio nel sonno. L'arma usata sarebbe una pistola trovata sulla scena del delitto e di cui Cuozzo non risultava fosse in possesso.

Le indagini sono condotte dai carabinieri della Sezione investigazioni scientifiche e del Nucleo investigativo di Napoli.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail