Messico, il video della fuga del boss della droga Joaquin Guzman

15 luglio 2015 - La fuga di Joaquin Guzman è stata ripresa dalla telecamera di sorveglianza installata nella sua cella nel carcere messicano di massima sicurezza di Altopiano, una nuova conferma del fatto che il potente boss della droga si è avvalso della collaborazione di qualcuno all’interno della struttura per riuscire nella fuga.

Quasi due minuti di immagini in cui vediamo il boss, storico leader del cartello di Sinaloa, aggirarsi sospettosamente nella sua cella, avvicinarsi a più riprese alla zona doccia e tornare sul lettino fino al momento in cui è svanito nel nulla, uscito dal buco scavato nel muro e passato per il tunnel lungo 1,5 chilometri che l’ha portato verso la libertà.

Il video è stato diffuso poche ore fa dal governo messicano, forse nel tentativo di mettere un freno alle polemiche di chi sostiene che il boss sia stato aiutato dai vertici della struttura. Le immagini, in effetti, confermano come Guzman abbia sfruttato proprio uno dei due punti ciechi della telecamere di sorveglianza.

La latitanza di Guzman, intanto, continua e il governo messicano ha messo una taglia da 5,1 milioni di dollari sulla sua testa.

Messico, il boss della droga Joaquin Guzman è ancora in fuga

13 luglio 2015 - Joaquin Guzman è ancora in fuga, la caccia all’uomo è in corso ormai da ore senza alcun risultato. Nel frattempo è stato chiarito che il boss è riuscito a tornare in libertà dopo aver percorso un tunnel lungo oltre un chilometro a cui è riuscito ad accedere da una piccola apertura nella zona doccia della sua cella.

Sembra certo che sia stato aiutato nella fuga - il carcere di Altiplano è considerato una delle strutture più sicure del Messico - ma al momento l’identità dei complici non è stata accertata. L’interrogatorio dei circa 30 dipendenti della struttura sono ancora in corso.

Intanto, col passare delle ore, si fa sempre più consistente il sospetto che Guzman potrebbe non essere mai ritrovato. L’ultima volta ci sono voluti 13 anni e stavolta, le autorità ne sono certe, Guzman ha pianificato la sua fuga in modo ancor più certosino.

Messico, il boss della droga Joaquin Guzman evade da carcere di massima sicurezza

var _srapiq = _srapiq || []; id_obj = 69364; id_div = 'video_'+id_obj; advUrl = ''; playerType = ''; _srapiq.push(['init', '89df43f0e4a9357fb']); _srapiq.push(['embedVideo', id_div , '55a25b73e5e1687c55e3593a', '', id_obj]); (function () { var sr = document.createElement('script'); sr.type = 'text/javascript'; sr.async = true; sr.src = "http://sdk.digitalbees.it/jssdk.js"; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(sr, s); })();

A poco più di un anno dal suo arresto, il boss della droga Joaquin “El Chapo” Guzman, storico leader del cartello messicano di Sinaloa, è riuscito nuovamente a fuggire dal carcere di massima sicurezza di Altiplano, alle porte di Città Del Messico.

Guzman, catturato dopo 13 anni di latitanza nel 2014, dopo esser evaso da un altro carcere di massima sicurezza, è riuscito nuovamente a utilizzare la propria influenza e scappare dalla struttura. Il boss, in passato inserito da Forbes nella lista degli uomini più ricchi del Mondo con un patrimonio di oltre 1 miliardo di dollari, stava scontando una condanna a 20 anni di carcere per reati legati al traffico di droga.

Le modalità della fuga non sono ancora state chiarite. L’uomo è stato visto per l’ultima volta nelle docce della struttura, poi è svanito nel nulla, aiutato da complici non ancora identificati. Nel 2001 riuscì ad evadere nascondendosi in una cesta della biancheria dopo aver corrotto alcuni secondini del carcere.

Le ricerche sono in corso in tutta l’area. Tutti i voli dal vicino aeroporto di Toluca sono stati sospesi fino a nuovo ordine.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: