Villa di Briano: arresti nel clan dei Casalesi, indagato il sindaco

arresto casalesi villa di briano

Aggiornamento ore 9:50. Secondo le indagini Nicola Magliulo, funzionario dell’ufficio tecnico del comune Villa di Briano nonché fratello del primo cittadino, Dionigi Magliulo, è stato arrestato dai carabinieri assieme ad altre sei persone. Il sindaco stesso risulta indagato a piede libero, secondo quanto riporta il Corriere del Mezzogiorno. Nicola Magliulo abusando delle sue funzioni di pubblico ufficiale sarebbe stato a disposizione del boss Antonio Iovine: tramite alcuni intermediari il funzionario avrebbe messo a disposizione del clan di camorra notizie riservate sugli appalti prima della pubblicazione dei bandi pubblici di gara, garantendo inoltre la celere emissione dei mandati di pagamento da parte dell’amministrazione cittadina alle ditte vicine al clan. A emettere i provvedimenti restrittivi il gip Vincenzo Alabiso su richiesta dei pubblici ministeri Antonello Ardituro, Cesare Sirignano, Catello Maresca e Antonio D’Amato.

Villa di Briano, appalti: 7 arresti clan Casalesi, coinvolti amministratori pubblici

Sono sette gli arresti eseguiti all'alba di oggi a carico di altrettanti soggetti accusati a vario titolo di essere legati al clan di camorra casertano dei Casalesi.

Nell' operazione sono coinvolti anche imprenditori e amministratori pubblici del comune di Villa di Briano (Caserta). Le persone fermate nel blitz dei carabinieri sono ritenute appartenenti o comunque contigue e al servizio alla fazione Iovine del clan.

Antonio Iovine, alias 'o ninno, è l'ex superboss dei Casalesi catturato nel 2010 dopo 15 anni di latitanza che di recente si è pentito avviando un rapporto di collaborazione con la giustizia.

La accuse mosse agli indagati finiti in manette oggi sono di associazione di tipo mafioso, turbativa d' asta, abuso d'ufficio, estorsione, truffa, incendio doloso, corruzione, concussione, peculato, tutti reati aggravati del metodo mafioso.

Le ordinanze di custodia cautelare sono state notificate dai militari del Reparto pperativo, Nucleo investigativo del comando provinciale di Caserta, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. Le indagini si sono concentrate sulla la concessione di appalti pubblici a Villa di Briano.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail