Nuovi guai per Graziano Mesina: accusato di un omicidio di 41 anni fa

Notificato un altro avviso di garanzia all'ex primula rossa: mandante di un omicidio 41 anni fa

Graziano Mesina, l'ex primula rossa del banditismo sardo in carcere da due anni per associazione a delinquere, traffico di droga e altri reati, ha visto notificarsi in carcere da parte dei Carabinieri un nuovo avviso di chiusura indagine, con un nuovo rinvio a giudizio: è accusato infatti di essere il mandante dell'omicidio di Santino Gungui, classe 1937, avvenuto a Mamoiada 41 anni fa.

Santino Gungui era stato assassinato poco dopo la mezzanotte fra il 24 dicembre e il 25 dicembre mentre rientrava a casa dopo aver terminato di accudire il bestiame. L'assassino o gli assassini lo avevano atteso in corso Vittorio Emanuele, in un tratto al buio, e gli avevano sparato alle spalle con tre fucilate caricate a pallettoni, uccidendolo sul colpo.

Inizialmente gli inquirenti avevano indirizzato le indagini nel mondo dell'abigeato ma subito dopo erano state collegate ad altri episodi criminali, come i sequestri di persona: due fratelli di Santino Gungui, Gonario e Aldo, erano stati implicati nel sequestro e l'omicidio di Aurelio Baghino, concessionario della Fiat di Nuoro, rapito e mai tornato a casa. Il padre di Santino, Salvatore Gungui, all'epoca scontava una condanna all'ergastolo come mandante di un duplice omicidio. Nonostante questo Santino Gungui non era mai stato implicato, formalmente, in nessuna indagine.

Il nuovo filone dell'inchiesta è partito dalla Dda di Cagliari con una serie di intercettazioni ambientali fra 'Grazianeddu' e il suo autista: nel 1974 Mesina era in carcere ma avrebbe commissionato, spiegano gli inquirenti, il delitto di Santino Gungui per punirlo del fatto che si fosse tenuto dei soldi che avrebbe invece dovuto consegnare a suoi uomini di fiducia.
Secondo quanto scrive L'Unione Sarda di questo, prima del suo ultimo arresto, l'ex bandito di Orgosolo si sarebbe vantato con i complici nel traffico di droga senza sapere di essere intercettato.

  • shares
  • Mail