Droga, Federica Gagliardi: Chiesti 10 anni per la "dama bianca" di Berlusconi

La ragazza fu arrestata l'anno scorso a Fiumicino con 24 chili di cocaina

berlusconi_g8_federica_gagliardi_berlusconi_canada_05-620x350.jpg

La procura di Napoli ha avanzato una richiesta di dieci anni di carcere, per traffico di droga e associazione a delinquere, nei confronti di Federica Gagliardi, meglio conosciuta come la dama bianca.

E' stato il procuratore Giovanni Conzo ad richiedere la pena per la ex impiegata. Coinvolti nel procedimento ci sono altre 25 imputati. Celebrato con il rito abbreviato, il processo arriverà a sentenza nel prossimo settembre.

La ragazza, che sognava di entrare in politica, candidandosi con l'Italia dei Valori sette anni fa, fino al 2010 era una perfetta sconosciuta per il grande pubblico. Poi, in quell'anno, si trovò al centro delle curiosità dei media: non passò inosservata nella delegazione che accompagnò l'allora presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, al G8 di Toronto. Alcune fotografie la immortalarono, vestita di bianco, che scendeva le scale dell'aereo. A quel punto il gossip si è scatenato e in molti hanno subito pensato che fosse una presenza "inappropriata".

Poi il 13 marzo 2014, dopo aver stimolato per un lungo periodo l'interesse dei suoi fan su twitter con messaggi e foto dei suoi viaggi in posti esclusivi, Federica torna agli onori della cronaca. Proveniente da Caracas, viene arrestata all'aeroporto di Fiumicino perché trasportava 24 chili di cocaina. Scattò così un’indagine che fece emergere l'esistenza di una organizzazione criminale, leader nella gestione dello spaccio di droga, che si muoveva tra Italia, Spagna, Olanda e e alcuni Stati dell’America Latina. La stessa zona, fa notare Il Fatto Quotidiano, visitata anche da membro della delegazione del governo italiano.

La Gagliardi si recò a Toronto come ”responsabile della segreteria del segretario generale della Regione Lazio”. Il permesso le fu concesso da Renata Polverini, ex Presidente della regione Lazio (la ragazza aveva fatto parte del suo comitato elettorale). Dal Canada, Gagliardi seguì Berlusconi a Panama e in Brasile, dove incontrò Valter Lavitola.

  • shares
  • Mail